Barca a vela al largo della costa della Crimea in una notte illuminata dalla luna – Ivan Aivazovsky

Barca a vela al largo della costa della Crimea in una notte illuminata dalla luna   Ivan Aivazovsky

Il dipinto “Una barca a vela sulla costa della Crimea in una notte illuminata dalla luna” è stato dipinto ad olio su tela da Ivan Konstantinovich Aivazovsky nel 1858. A quel tempo, il più grande pittore marino viveva a Feodosia da più di dieci anni, dove, con i soldi guadagnati dalla vendita delle sue tele, aprì una scuola d’arte, che in seguito rese famosa nella provincia di Novorossijsk e divenne uno dei suoi centri artistici. Nel mezzo della composizione è una barca a vela a tre alberi.

Un mare senza movimento, calmo, calmo, che non prefigura tempeste – solo una leggera fluttuazione della superficie dell’acqua, che le dà vita. Sulle vele della nave abbassate. Lui, come il mare, è immobile.

Sembra che la natura e l’uomo non siano più in competizione tra loro, ma, al contrario, si fondano in uno solo.

L’immagine statica è enfatizzata da una catena montuosa situata sullo sfondo, proprio dietro la nave. Le montagne che distruggono la linearità dell’orizzonte sembrano dire che non tutto al mondo è così semplice e regolare, anche se a prima vista sembra così.

I colori nella foto sono tutte sfumature di blu: dal blu delicatamente al quasi rotolare nel nero, quasi pece. Ciò che sorprende, la diversità delle sfumature di un colore, che simboleggia il lato sensuale della vita di tutte le cose, trasmette allo spettatore una semplice verità: l’amore ha molte sfaccettature, indipendentemente dal fatto che una persona sia in grado di percepirle o meno. Al momento il quadro è conservato nella State Museum Association Artistic Culture of the Russian North.