Baia di Odessa, Mar Nero – Ivan Aivazovsky

Baia di Odessa, Mar Nero   Ivan Aivazovsky

Al tempo della New Age, i principali generi di pittura erano completamente formati: un ritratto nelle sue varie varietà, una natura morta, dipinti su temi quotidiani e storici e animalismo. Per quanto riguarda i pittori marini, è rimasta ancora per molto tempo non una figliastra, ma una donna mendicante sullo sfondo di una tavolozza artistica di genere già affermata.

Il nostro connazionale, IK Aivazovsky, ha respirato nuova vita. Tuttavia, non aveva scuola e alunni. Come I. A. Krylov nel genere delle favole – se non l’unico, quindi il migliore, Aivazovsky è anche eccezionale tra i “cantanti del mare”. È curioso che nell’estetica del romanticismo, il mare sia un simbolo di libertà, ma l’onda del mare sia un simbolo di mutevolezza e impermanenza.

Aivazovsky disegnava facilmente, era incredibilmente produttivo e spesso esposto – più di tutti i suoi contemporanei. Il dipinto “La baia di Odessa, il Mar Nero” è tipico per il suo stile. La presenza di persone è minima ed è indicata solo dalla barca e dai rematori che vi siedono, nonché da diverse navi a vela – vicine e poco distanti. In lontananza, sono anche ipotizzati i contorni del faro di Odessa e alcune altre strutture.

Il principale carico semantico, ovviamente, è l’immagine del cielo – formidabile, coperto di nuvole, ma anche illuminato dal tramonto.