Autunno – Ivan Shishkin

Autunno   Ivan Shishkin

Nell’opera “Autunno” Shishkin ha usato un tipo chiuso di composizione, per il quale è caratteristico mantenere l’attenzione dello spettatore in un determinato spazio limitato. Il formato dell’immagine è allungato nella direzione verticale. L’opera è stata costruita in modo classico correttamente – il paesaggio è diviso in tre piani.

In questo caso, il primo e il secondo piano sono elaborati in dettaglio e quelli distanti sono realizzati più in generale, il che ci consente di concludere che questo lavoro è uno schizzo.

In primo piano c’è un albero secco e due cespugli, tra i quali si può tracciare una chiara connessione ritmica. L’albero attira immediatamente l’attenzione dello spettatore e solo dopo averlo esaminato, traduciamo la vista sullo sfondo.

Gli alberi raffigurati sullo sfondo, svolgono il ruolo del centro della composizione, a cui sono dirette le linee di interazione di tutti gli elementi dell’immagine. Sono raffigurati dall’artista con dettagli e plastica sufficienti. Si può presumere che questi siano aceri, poiché sono questi alberi che sono caratteristici dell’inizio dell’autunno a diventare dorati in primo luogo.

Dietro gli alberi si apre il grigio cielo autunnale, grazie al quale il colore dorato delle foglie sembra ancora più luminoso. Su entrambi i lati del centro della composizione sono ancora alberi verdi, che svolgono il ruolo di una sorta di backstage. In lontananza puoi vedere le sagome di altri alberi.

Cioè, l’intera composizione dell’immagine è costruita sul principio di simmetria.

Shishkin usa molto abilmente la prospettiva aerea: ritrae gli oggetti distanti in modo meno chiaro e con tonalità blu-bluastre. Sebbene l’artista stesso abbia sostenuto di non avere familiarità con le leggi della prospettiva e attinge all’istinto, è sicuro affermare che “Autunno” è un risultato significativo del maestro nella pittura a cielo aperto. L’uso magistrale della prospettiva aerea crea un senso di profondità.

L’immagine di un grande pezzo di cielo e alberi crea interamente una sensazione di epicità e portata, tipica dei dipinti di Shishkin. Grazie all’immagine interamente di alberi, l’artista crea l’illusione del movimento verticale.

Etude “Autumn” è anche interessante perché l’immagine di questa stagione si trova abbastanza raramente nelle opere di Shishkin. In ciascuna delle sue opere c’è una comprensione sottile e profonda dell’unicità della natura russa settentrionale. Al fine di creare opere d’arte, è stato scelto un motivo che è vicino e comprensibile per ogni persona comune.

L’artista ha lavorato in una direzione realistica, ma nei dipinti c’è un inizio lirico chiaramente espresso. Ciò è spiegato dal fatto che, nonostante il desiderio del maestro di rappresentare oggettivamente la realtà circostante, le immagini artistiche create da lui sulla tela passano attraverso il prisma della sua ricca percezione interiore. Per le opere di Shishkin caratterizzate dalla presenza di sottotesti poetici e letterari.

E in questo ha molto in comune con altri rappresentanti dell’arte del diciannovesimo secolo, che è stato riconosciuto come il secolo della letteratura.

Il componente principale, che è la bellezza delle sue opere, è un vivo interesse per il mondo che lo circonda e il suo attento studio. L’impulso di rappresentare oggettivamente la bellezza della natura circostante ha gettato le basi per il realismo poetico di Shishkin.

Lavorando sulla composizione “Autunno”, l’artista ha cercato di rivelare quei tratti della natura che gli sono vicini personalmente e allo stesso tempo erano significativi nel loro significato oggettivo. Fu in questo approccio che vide il compito delle arti visive e l’opportunità di portare un principio cognitivo alla creatività.

Lo studio del lavoro di Shishkin porta alle seguenti conclusioni: Nei primi anni della seconda metà del diciannovesimo secolo, una nuova direzione nell’arte iniziò a prendere forma: un paesaggio russo realistico caratterizzato da un approccio innovativo e da un’arte sottile unita a un senso di contatto diretto con la natura.

Lo sviluppo di una tendenza realistica nella pittura russa ha suscitato grande interesse tra il pubblico avanzato, poiché è caduto sul periodo della crescita della vita culturale in Russia. Inoltre, questa tendenza nell’arte era indissolubilmente legata agli eventi storici epocali dell’epoca in cui la questione contadina era al primo posto per tutta l’intellighenzia creativa.

In questo difficile periodo storico, il ruolo decisivo degli artisti russi ha acquisito la questione del contenuto della loro arte. Si aspettavano opere di pittori che, per mezzo di immagini artistiche, avrebbero rispecchiato gli umori della classe oppressa. Fu durante questo decennio che i pittori paesaggisti russi spesso sceglievano tali motivi della natura per i loro dipinti, in cui il linguaggio dell’arte poteva essere usato per raccontare alla gente la tristezza – la stagione autunnale deprimente con strade sporche, sfocate, cielo cupo, piangente, alberi rari, villaggi coperti di neve semi-distrutti. .. I pittori del paesaggio dell’epoca cercarono di rappresentare la realtà circostante, non per niente battendola.

Questo approccio era inerente a maestri famosi come Shishkin, Savrasov, Kuindzhi, Polenov.

Gli studi di Shishkin sono un mondo intero, creato con grande difficoltà e amore ansioso per la natura della terra natale. Nonostante il fatto che il maestro abbia cercato di trasmettere ciò che ha visto nei dettagli dettagliati, i suoi lavori non sembrano noiosi, perché sono realizzati con amore, che viene trasmesso nel processo di visualizzazione e di visualizzazione.

Shishkin era destinato a svolgere un ruolo decisivo nello sviluppo della pittura di paesaggio russa. La base del suo ricco talento era uno straordinario talento dell’artista, combinato con un acuto senso di tutti gli esseri viventi. Per questo motivo, i dipinti del pittore sono entrati nella vita spirituale di diverse generazioni.