Autoritratto – Paolo Veronese

Autoritratto   Paolo Veronese

Autoritratto di Paolo Veronese, il quadro è stato dipinto dall’artista in età piuttosto matura. Dimensioni ritratto 63 x 51 cm, olio su tela. Paolo Veronese, pittore italiano, uno dei maggiori rappresentanti del tardo Rinascimento italiano.

La famiglia di Paolo Veronese proveniva dalla Lombardia, ma si trasferì a Verona, dove il padre e il padre dell’artista futuro, gli scalpellini, lavorarono alla costruzione delle mura della città. Paolo fu mandato a studiare per l’architetto Michele San Michele, che acquisì le capacità di lavorare la pietra, nel disegno, ma non divenne architetto. Presto Paolo si trasferì dal pittore Antonio Badil, nel cui studio ricevette il soprannome di Veronese.

Sotto la direzione di Badile, l’aspirante artista fece disegni da incisioni di Raffaello e Dürer, e alla fine del 1540, secondo i biografi, iniziò a lavorare in modo indipendente. La vocazione di Paolo Veronese era la pittura monumentale, che gli ha permesso di mostrare l’immaginazione, la padronanza dei disegni compositivi, un magnifico dono di un colorista. Paolo Veronese è partito, secondo le informazioni esistenti, dai murali delle ville di campagna dei patrizi veneti e dalle facciate delle case.