Autoritratto con Camellia Paula Moderzon-Becker

Autoritratto con Camellia Paula Moderzon Becker

All’inizio del 1907, Paula Moderzo-Becker andò di nuovo a Parigi, dove continuò a lavorare intensamente, migliorando il suo stile e la sua tecnica pittorica. Visitava spesso il Louvre e durante questo periodo la sua attenzione era attratta dai ritratti della tarda antichità. Hanno avuto un impatto significativo sul suo lavoro di quel periodo.

Il trasferimento di colore nei suoi ritratti è diventato più espressivo e più espressivo. Ne è un esempio il famoso ritratto di Rilke. Inoltre, Paula Moderzon-Becker ha tratto ispirazione dal linguaggio artistico dell’antica arte romana e gotica antica.

“Autoritratto con camelie” scritto nel 1907. Paula tiene un ramo della camelia in questo autoritratto sereno, come simbolo dell’eterno ciclo di fioritura e appassimento, vita e morte. L’espressione delicata e gli occhi allargati dimostrano il suo interesse per gli antichi ritratti di Fayum che ha visto al Louvre.

Il formato alto e stretto dell’immagine, l’immagine frontale, il centro della composizione – occhi eccessivamente grandi causano inconsapevolmente un’associazione con l’esclusivo ritratto di Fayessim. Il ramo della camelia, che teneva in mano, è appena segnato graficamente; più importante è il simbolo di questa pianta sempreverde. E una premonizione della sua morte prematura. Il 26 luglio 1900 annotò nel suo diario: “So che non vivrò molto a lungo. Ma è triste?

Il festival è migliore perché è più lungo? E la mia vita è una vacanza, un festival breve e intenso”.