Autoritratto con amici mantovani – Peter Rubens

Autoritratto con amici mantovani   Peter Rubens

Questo è il primo degli autoritratti dell’artista, scritto durante il suo soggiorno in Italia. La figura di Rubens è scritta con grande libertà. Si distingue notevolmente tra gli altri personaggi in colori chiari e modellazione di forme morbide.

Il viso e lo sguardo di Rubens, a differenza dei suoi amici, si rivolse allo spettatore.

Una faccia aperta, girata in tre quarti, come di solito Rubens scriveva i suoi piuttosto numerosi autoritratti, tra i quali questo era il primo. Le ampie pieghe di un mantello verde scuro, le pieghe bianche del colletto ombreggiano il fascino vivace di un giovane bel viso con una fronte alta. Tra le sei persone raffigurate sulla tela, solo l’aspetto di Rubens è senza dubbio riconosciuto da tutti i ricercatori.

Cinque dei suoi amici, scritti sulla stessa linea orizzontale accanto a lui, che conferiscono all’intera composizione una certa monotonia e un vincolo di movimento, finora non sono stati risolti in modo affidabile e convincente. Essendo tra i suoi amici, Rubens fissa con calma noi, il pubblico, fiducioso nei loro punti di forza, pensieri, speranze e aspirazioni.