Arlecchino e la sua ragazza – Pablo Picasso

Arlecchino e la sua ragazza   Pablo Picasso

L’immagine è stata dipinta da Pablo Picasso all’inizio del suo “periodo blu”. Ha combinato due temi preferiti degli artisti di quei tempi: scene nei caffè e artisti circensi.

Questo lavoro è interessante perché qui il futuro artista riconosciuto a livello internazionale è ancora all’inizio della sua carriera. Con sede a Parigi, il giovane Picasso è alla ricerca del suo stile e presto lo trova. “Arlecchino e la sua ragazza” dimostrano vividamente l’inizio del “periodo blu” – sebbene qui ci sia ancora un po ‘di blu e non ci siano quei soggetti fastidiosi, il modo e il modo di scrivere sono chiaramente delineati.

Arlecchini e altri artisti circensi hanno sedotto gli artisti con la loro vita libera e calpestando molte fondamenta, ma da Picasso vediamo l’altro lato di questi eroi – quello che va oltre le idee e gli applausi del pubblico.

L’umore della foto è deprimente: i due eroi si sporgevano sugli occhiali e, sostenendo il mento con le mani, guardavano ai lati con occhi invisibili. Sebbene si siedano vicini, rannicchiandosi l’uno vicino all’altro, c’è un divario tra loro e l’alienazione. Picasso chiarisce che esiste una stretta connessione tra queste persone, ma ognuno soffre di un pesante fardello di mancanza di denaro e disordine da solo.

La tinta azzurro pallida rende i volti di quasi eroi senza sangue, il che contrasta soprattutto con i loro abiti luminosi. Una particolare disperazione viene letta negli occhi e nel viso della ragazza di Arlecchino: uno sguardo stanco e le labbra tese in una corda parlano di stanchezza e tristezza.

Provando un forte bisogno, Picasso voleva davvero vendere questa foto, ma il lavoro di un artista spagnolo di 20 anni sconosciuto non attirò gli acquirenti, sebbene il suo stile fosse molto insolito e originale. Qualche anno dopo, quando il maestro aveva già guadagnato popolarità, questa tela fu acquisita dal collezionista russo Morozov e portata in Russia per rifornire la sua ricca collezione privata. Nel 1919, la collezione di Morozov fu nazionalizzata e gli originali di Picasso possono ora essere visti nel Museo.

A. S. Pushkin.