Arlecchino appoggiato – Pablo Picasso

Arlecchino appoggiato   Pablo Picasso

Il dipinto “Arlecchino pendente”, o come viene anche chiamato “Arlecchino che perde”, segna l’inizio del periodo “blu” nell’opera di Pablo Picasso.

Nel 1901, l’artista si trasferì a Parigi, dove incontrò i suoi bohémien e rappresentanti dell’intellighenzia creativa. Le idee di impressionismo, postimpressionismo e sentimentalismo, e A. Toulouse-Lautrec, E. Degas, P. Gauguin, che le predicarono, ebbero una grande influenza sull’opera di Picasso di questo periodo.

Nel presente lavoro, sebbene sia possibile cogliere un indizio sull’influenza delle idee dell’impressionismo, lo stile individuale del maestro di Picasso è chiaramente leggibile.

L’eroe della foto è un giovane giovane, vestito con un body a scacchi blu, seduto a un tavolo in un caffè. Il suo viso è così densamente imbrattato di bianco che contrasta nettamente con il colore delle sue mani. Colorazione blu che illumina l’immagine dall’interno e sottolinea ulteriormente il candore di viso, collo e polsini.

L’immagine dell’arlecchino è malinconica e riflessiva, che è enfatizzata dall’espressione facciale e dalla posa speciale. L’eroe ricorda un Pierrot piuttosto triste – un simbolo di infelice amore non corrisposto.

Si ritiene che questa foto sia stata una sorta di risposta alla morte di un amico di Picasso – Carlos Casagemasa, con il quale l’artista era molto vicino spiritualmente e sognava di conquistare il mondo artistico. Carlos si è ucciso. La ragione di ciò era l’amore non corrisposto.

Oggi l’immagine può essere vista al Metropolitan Museum di New York, dove il lavoro è sospeso in libero accesso e tutti possono guardare negli occhi tristi dell’arlecchino.