Arcobaleno – George Nyssky

Arcobaleno   George Nyssky

G. G. Nyssky è il mio pittore preferito. I suoi dipinti riflettono e ci riportano all’era sovietica. Amava cantare il paesaggio urbano. La sua attenzione era sempre attratta da case alte e grandi ponti, tutto ciò che una persona creava e progettava se stesso. In questo l’artista ha visto il potere e le possibilità dell’epoca a cui è dedicata la maggior parte delle sue opere.

L’immagine “Arcobaleno” scritta nel 1950 non fa eccezione.

L’eroe principale di questo lavoro è il fenomeno della natura, l’arcobaleno. È raffigurata sopra il fiume dopo la pioggia. È l’arcobaleno su questa tela che gioca con i colori, si precipita verso il cielo e dà il suo significato ai colori, spargendoli in tutto il paesaggio.

Com’è noto, un arcobaleno si presenta dopo una pioggia e l’artista ha rappresentato e nella stessa sequenza, poiché vediamo che le nuvole minacciose non sono ancora scomparse nel cielo. Ma la pioggia finì e il cielo cominciò gradualmente a schiarirsi. E ora nell’angolo destro del paesaggio, vediamo il sole infrangere tra le nuvole.

Si può immaginare che un arcobaleno che si precipita verso l’alto sia un segnale per le persone di buon umore.

Diluisce la vita quotidiana grigia, la luminosità di soia impercettibile. Un’altra immagine mostra un fiume, ha lo stesso colore scuro delle nuvole nel cielo. Vediamo la nave che, nonostante le avversità, scorre tra le onde, lasciandosi dietro agnelli bianchi d’acqua.

Ho notato una piccola caratteristica, l’albero sulla barca ricorda una croce. Mi è sembrato che così l’artista abbia benedetto la nave per il viaggio.

In generale, nonostante il maltempo infuriato, molto bene può essere visto sulla tela. La luce del sole, un arcobaleno luminoso e un albero a forma di croce. La cosa principale è credere nel bello. E poi vedremo nei fiochi colori grigi, momenti luminosi.

Impareremo a ravvivare la noiosa vita quotidiana con le vernici, come è successo a Nyssa.