Apostolo Giovanni il Teologo – El Greco

Apostolo Giovanni il Teologo   El Greco

L’apostolo Giovanni il Teologo, figlio di Zebedeo, era il fratello di Giacomo. Proprio come Pietro, Andrea e Giacobbe, suo fratello e Zebedeo, il loro padre, pescarono. Ascoltò anche la predicazione di Giovanni Battista e fu considerato suo discepolo. Insieme a Pietro e Giacomo, fu tra i primi discepoli chiamati e più stretti del Signore, e fu venerato come un pilastro della chiesa.

Tra i discepoli più vicini, Giovanni era presente ad eventi importanti nel ministero del Figlio di Dio sulla terra. Accompagnò il Signore alla risurrezione della figlia di Giairo, sul Monte della Trasfigurazione, nel Giardino del Getsemani.

Giovanni il Teologo fu chiamato “apostolo dell’amore”, ripetutamente nel Nuovo Testamento, è menzionato come amato discepolo di Gesù. Gli eventi dell’ultimo pasto, l’Ultima Cena, lo confermano. Giovanni si adagiò sul petto del Salvatore, a nome dei discepoli chiese al Maestro che lo avrebbe tradito, e Cristo non deluse le aspettative, e rispose alla domanda dell’amato discepolo:

Giovanni, insieme a Pietro, seguì l’arresto di Cristo nella casa del sommo sacerdote Caifa e, usando le sue connessioni, entrò persino nel cortile. Il giovane apostolo fu testimone della tortura e dell’interrogatorio del Figlio di Dio. Giovanni accompagnò Cristo fino alla fine, durante la processione per le strade di Gerusalemme, insieme alle donne, in piedi sulla croce su cui morì il Salvatore.

Prima della sua morte, il Signore ha affidato le cure dei discepoli a Maria, sua madre. Fu uno dei primi a testimoniare la risurrezione di Cristo, vedendo una tomba vuota. Spesso nei viaggi missionari, Giovanni accompagnava l’apostolo Pietro.

Il Nuovo Testamento comprende cinque libri che credono scritti da Giovanni il Teologo: il Vangelo di Giovanni, tre epistole e una rivelazione.

Secondo la leggenda, Giovanni predicò nelle città dell’Asia Minore, in particolare ad Efeso, poi fu portato a Roma per processo, fu condannato a morte, ma miracolosamente fuggì – non fu ferito dalla tazza di veleno che beveva e non morì nella pentola bollente olio. Quindi l’apostolo fu esiliato sull’isola di Patmos, dove ricevette e registrò per le generazioni successive una rivelazione mistica. Dopo l’esilio, tornò a Efeso, dove visse in grande età.

L’unico degli apostoli, Giovanni fuggì dal martirio.

Tradizionalmente, John the Divine è ritratto come un bel giovanotto con lunghi capelli ondulati. I suoi attributi abituali sono un libro o una pergamena, un’aquila, che a volte è raffigurata con una piuma o un calamaio nel becco. Inoltre tra gli attributi usati frequentemente dell’apostolo Giovanni c’è la coppa in cui si trova il serpente.

Più raramente, l’apostolo Giovanni è raffigurato come in una caldaia con olio bollente o nella forma di un anziano calvo dalla barba grigia.

El Greco ha ripetutamente interpretato San Giovanni: sia nella serie degli Apostolados, sia nelle immagini in coppia dei santi, nel Giardino del Getsemani, e nel mistico “La rimozione del quinto sigillo”. Ha riprodotto il santo nelle vesti di un giovane con una folta chioma castana riccia, con una faccia stretta e nervosa. Nelle sue mani, John tiene un calice d’oro inseguito, che contiene un drago alato in miniatura.

E se nell’immagine dello stesso soggetto, che era stata conservata nel Prado solo pochi anni prima, Giovanni il Teologo era scritto in una calda tavolozza, nell’immagine di un adolescente, sullo sfondo di un cielo tempestoso. Che in una versione successiva del dipinto incluso nella serie degli Apostolodi, Giovanni è raffigurato in età avanzata. Questa tela rende un’impressione più inquietante, persino cupa.

L’impronta della sofferenza e quel mistico mondo di visioni, in cui si tuffò mentre si trovava sull’isola di Patmos, sembrava leggere sul viso pallido e mortalmente mortale di un giovane.

Come in molte opere del periodo tardo, le proporzioni del viso, delle mani e dell’intera figura sono distese, le pieghe dell’abbigliamento si trovano in linee spezzate e ruvide. E al contrario, l’inseguimento raffinato della preziosa coppa viene eseguito abilmente. È come se ci fosse una connessione invisibile tra la faccia dell’apostolo e la coppa. Lo sguardo scorre dalla faccia di John lungo la manica verde, fino alla coppa d’oro.

Il serpente drago, così piccolo da stare in una ciotola, allargò le ali come se con tutta la sua forza, in preda al panico, cercasse di essere liberato dalla prigionia. L’apostolo vide la sua sconfitta: