Anna Akhmatova – Natan Altman

Anna Akhmatova   Natan Altman

Altman – un artista sovietico d’avanguardia, uno di quelli che non riconosceva alcun canone, usava un mix selvaggio di generi, per il bene dello scopo – trasmettere umore, sensazioni, eventi – trascurato tutto il resto.

“Anna Akhmatova”, la sua mano, nonostante fosse riconosciuta da tutti i suoi ritratti più spiacevoli, nel frattempo trovò un riconoscimento inconfondibile sia dai suoi parenti che dagli amici. La figlia di Akhmatova scrive che sebbene le piaccia molto di più un ritratto diverso della madre, dove appare più tenera e lirica, e non c’è traccia di cubismo, il ritratto di Altman trasmette meglio ciò che era in quegli anni.

Il ritratto ha molti angoli acuti, prospettiva disturbata. Akhmatova è seduta su una poltrona, dopo avergli gettato una gamba sopra la gamba, sporge un ginocchio affilato, un vestito blu scuro scende sulle sue scarpe con pieghe rigide, le mani sono piegate sullo stomaco, uno scialle giallo le cade dai gomiti. Lo sfondo è estremamente generalizzato, alcuni spigoli vivi, paradossalmente che ricordano i colori, pavimento grigio, panca di legno sotto i suoi piedi.

Per tutta la posa, nel modo di scrivere, una donna dura e implacabile si profila con una fiamma accesa all’interno.

Tutto sporge con spigoli vivi – non perché il cubismo ordini così, ma perché questa è la sua essenza. Represso dall’esterno, sempre inedito, dopo aver perso due mariti, Akhmatova è pronto a sparare con angoli acuti, respingendo qualsiasi attacco, colpendo qualsiasi nemico.

Tuttavia, se nella sua postura si avverte prontezza, quasi ostilità, il suo viso spezza completamente questa sensazione. Akhmatova sembra un po ‘di lato, e sulle sue labbra c’è un sorriso stranamente tenero per un viso così spigoloso e severo. Era come se una fiamma attentamente custodita guardasse fuori dall’interno, come se il sole facesse capolino tra le nuvole, come se qualcosa di caro, protetto, trovasse possibile apparire per un momento e un istante fu immediatamente catturato magistralmente e trasferito sulla carta.