Anemoni – Raoul Dufy

Anemoni   Raoul Dufy

Molti artisti Dufy moderni hanno evitato di ritrarre fiori e hanno persino preso in giro quelli che ancora li scrivevano. Le rare eccezioni di questa serie possono essere considerate solo Marc Chagall e Oscar Kokotku. Dufy scriveva spesso anche fiori e lo faceva in modo brillante.

Era fedele ai fiori fino alla sua morte.

Alla fine, incompiuto, dipinto di Dufy, lo spettatore vede un vaso con papaveri. E i colori più preferiti dell’artista erano gli anemoni. Gli piaceva molto il loro colore: una combinazione di scarlatto e lilla.

Dufy cercò di trasmettere il fascino del fiore, per esprimere i sentimenti che si risveglia. Il suo obiettivo era “creare un’immagine di un fiore, non cercando di riprodurre esattamente il suo aspetto, ma allo stesso tempo in modo che il fiore sembrasse vivo. Una macchia di pittura su carta spesso può dire molto di più sulla forma e sul movimento rispetto all’oggetto stesso, trasformando il mondo reale in immagini nato dall’immaginazione dell’artista “.

Il bouquet raffigurato nella foto “Anemoni” sembra casuale, ma questa impressione è ingannevole. Dufy ha trascorso ore a sistemare e spostare i fiori prima di riuscire a creare una composizione che lo soddisfacesse.