Amanti – Rene Magritte

Amanti   Rene Magritte

Il dipinto “Gli amanti” del pittore surrealista belga René Magritte è noto allo spettatore in due versioni. Sulla prima tela, un uomo e una donna, le cui teste sono avvolte in un panno bianco, si sono fuse in un bacio, e dall’altra “guardano” lo spettatore. L’opera è molto simbolica e racchiude un significato profondo.

Alcuni critici interpretano questa trama come un riflesso dell’incapacità umana di rivelare pienamente la vera natura della loro relazione, anche con le persone più vicine…

Esistono due versioni principali del dipinto “Lovers”. Secondo i più comuni, la causa della nascita nella mente dell’artista di immagini così insolite è stata il suo trauma infantile associato alla tragica morte della madre.

Magritte era un adolescente quando sua madre annegò. Essendo giovane e bella, si suicidò saltando dal ponte nel fiume. Quando fu trovato il corpo del defunto, la sua testa fu avvolta in un panno.

Molto probabilmente, la donna si è coperta specificamente il viso per non apparire sfigurata dopo la morte.

Secondo la seconda versione, meno popolare, l’origine di questa immagine inquietante è una conseguenza del fascino di Magritte per i “fantasmi”, l’eroe oscuro del thriller. L’identità del fantasma non è mai stata rivelata. È sempre apparso nei film, mascherato da un panno o da una calza in testa.

L’autore ha interpretato i personaggi in un impeto di passione. Ciò è indicato dalle pieghe dei pezzi di stoffa gettati sopra la testa. La passione che è scoppiata tra due persone porta davvero all’accecamento. Priva la capacità di pensare in modo obiettivo e notare l’ovvio.

C’è una proposta così interessante su questa immagine: Magritte non ha solo chiuso gli occhi agli innamorati, ha scosso la testa, realizzando così la metafora: “ha perso la testa per amore”. Un altro dettaglio molto interessante dell’immagine – un bacio attraverso la tela. Forse l’artista ha rappresentato l’amore irreale, non in grado di trarre piacere dal contatto dei corpi, dalla loro penetrazione l’uno nell’altro?

Forse la tela raffigura la passione peccaminosa, che si copre timidamente e, per così dire, è protetta da copriletti bianchi? O forse l’artista ha cercato in questo modo di esprimere un giudizio sui sentimenti umani – dicono, anche un amore forte non è in grado di dare l’opportunità di comprendere la verità? Anche se veramente innamorati le persone rimangono cieche: non vedono nulla intorno a loro, non si vedono l’un l’altro e non si conoscono mai completamente?

L’immagine può essere interpretata in modo più ottimistico: l’amore stesso è così autosufficiente che non ha bisogno di visione. Gli amanti delle persone non si vedono necessariamente l’un l’altro e il mondo che li circonda. Sono in grado di sentire l’intimità anche attraverso un doppio strato di tessuto gettato.

In questo modo l’artista ci trasmette l’idea che i veri sentimenti non conoscono barriere materiali.

Amanti   Rene Magritte

Queste curiose ipotesi sono confermate dalla trama della seconda foto. Un attento confronto può essere visto una serie di differenze sulle tele, che non si limita alle posture degli innamorati. Innanzitutto, l’artista ha cambiato lo sfondo: l’azione del primo dipinto si svolge in uno spazio chiuso e osserviamo la seconda coppia di amanti all’aria aperta. In secondo luogo, l’autore ha decorato i personaggi con altri vestiti.

In terzo luogo, l’umore generale dell’immagine è cambiato: la tensione concentrata della prima scena è stata sostituita dalla rilassante pacificazione della seconda.

Sembra che l’artista stia cercando di dire che la passione non ha nulla a che fare con essa. Ora i personaggi completamente calmi non si guardano l’un l’altro, ma lo spettatore e il mondo che li circonda. Ma non possiamo ancora vedere i loro volti, ma sono ancora “ciechi”!

Forse questa è l’apoteosi dell’amore? Una persona che ha provato un vero sentimento apre la sua vera visione interiore, che gli consente di sentire profondamente questo mondo e di non contemplare la sua misera somiglianza accessibile alla visione pubblica? E gli ostacoli sotto forma di tele gettate sugli eroi, così come articoli di abbigliamento, parole, pareti, suoni e vernici artificiali, non sono più in grado di impedire loro di godere della vera bellezza di questo mondo? Forse la scoperta di questa verità ispiratrice è la ricompensa più preziosa per svelare il puzzle pittorico di Magritte, un artista che sapeva molto di più sulla vita,

Magritte ha ammesso di considerare il suo obiettivo principale di far riflettere lo spettatore. Ecco perché i suoi dipinti assomigliano spesso a rifiuti. Ma a differenza dei puzzle ordinari, è quasi impossibile risolverli, perché fanno sorgere domande sull’essenza stessa dell’essere.