Akaky Akakievich a Petrovich – Boris Kustodiev

Akaky Akakievich a Petrovich   Boris Kustodiev

Gli artisti russi dell’inizio del XX secolo, senza limitarsi esclusivamente alla pittura, hanno lavorato attivamente nel campo del design e dell’illustrazione di libri. Ciò è particolarmente vero per i rappresentanti del “mondo dell’arte”, che deliberatamente si sono opposti al culto del passato al presente, stilizzandolo esplicitamente.

L’illustrazione del libro per sua natura nascondeva in sé in questo senso molte opportunità uniche. Kustodiyev, i cui primi esperimenti di questo tipo appartengono al 1905, non abbandonò le illustrazioni dei suoi libri fino alla sua morte. Ha progettato e illustrato, per la maggior parte, opere di classici russi, sia in un design raffinato che in edizioni di massa.

Tra queste opere ci sono “Dead Souls” e i romanzi di N. Gogol, “A Song About the Merchant Kalashnikov” di M. Lermontov, “Lady Macbeth of Mtsensk” di N. Leskov, “Singers” di I. Turgenev, poesie di N. Nekrasov, racconti moralizzanti di L. Tolstoj, “Distretto” E. Zamyatin, la storia di A. N. Tolstoy.

Le illustrazioni per “Cappotto” di Gogol e “Akaki Akakievich Petrovich” si riferiscono al 1905, cioè ai primi esperimenti di “libro” dell’artista. Portano le tracce dell’hobby di Kustodiev per lo stile modernista.