Ai-Pétri – Arkhip Kuindzhi

Ai Pétri   Arkhip Kuindzhi

Arkhip Ivanovich Kuindzhi è un maestro di un genere come il paesaggio. L’artista durante tutto il suo periodo di creatività ha creato una varietà di opere paesaggistiche, raffiguranti mare, montagna, campagna, città e molti altri argomenti. E in effetti la trama dei suoi dipinti era piuttosto varia.

Un modello del paesaggio montano Kuindzhi “Ai-Petri. Crimea” può essere considerato un modello di un bellissimo paesaggio raffigurante montagne. Quest’opera è stata creata nel periodo 1898-1908, la data esatta della creazione non è stata stabilita.

Oggi la tela è esposta al Museo di Stato russo di San Pietroburgo.

Ai-Petri è una delle montagne della catena montuosa della Crimea, che si trova a Yalta. La sagoma del Monte Ai-Petri, che in greco significa “San Pietro”, è formata da Capo Ai-Todor con il nido di rondine ai denti ricci.

Ai-Petri è una montagna molto bella con una silhouette espressiva. Il paesaggio di Kuindzhi con l’immagine del Monte Ai-Petri è il più semplice possibile, compositivamente chiaro, non complicato da forme bizzarre e giocando con trame diverse. Ai-Petri immaginava che i denti si estendessero attraverso l’orizzonte, riempiendo lo spazio del piano dell’immagine da un bordo all’altro.

Pertanto, lo spazio è saturo di massiccio montuoso di pietra. Proprio dall’attuale pietra di montagna vivente un quadro, una sensazione di pesantezza e ostacoli emana dal quadro.

Un effetto tratto di colore creato da un pittore di paesaggi, che spazia da un cielo luminoso sbiancato all’azzurro di un piede nero di montagna. I colori blu brillante e, in generale, l’intera selezione di sfumature danno alla tela un suono meraviglioso, un vento limpido e agghiacciante in cima alla montagna di San Pietro.

Kuindzhi ha creato un’immagine di montagne inespugnabili, maestose, orgogliose, irremovibili, ferme, come un uomo con una volontà santa, come un guerriero, a sangue freddo che uccide i nemici della sua terra natale.

Per tutti, il paesaggio è bellissimo in sé. Le tonalità blu e blu oltremare sembrano molto attive, luminose e non noiose. In alcuni punti, Ai-Petri è coperto da una nebbia blu, che rende il paesaggio misterioso e artistico, senza ridurre infine la composizione inizialmente semplificata.

I tocchi lisci assomigliano alla superficie lucida di una cornice fotografica.

Il paesaggio è percepito come realtà, come il respiro della vita reale. Il paesaggio è inaccessibile, così come le ripide cime delle montagne sono inaccessibili. L’altezza, fredda e pericolosa, spaventa e attira, attira con la bellezza dei suoi contorni, spaventa con il silenzio e raffiche raffiche di vento. È così facile annegare nelle profondità di questo magnifico abisso blu, cadere nell’abisso dalla cima del bellissimo Ai-Pétri.