Adorazione della Santissima Trinità – Albrecht Durer

Adorazione della Santissima Trinità   Albrecht Durer

L’altare “L’Adorazione della Santissima Trinità” ordinò a Durer Matthias Landauer – Norimberga, proprietario di un fiorente laboratorio di rame. Landauer costruì un deposito per i suoi soldi per dodici anziani solitari, ex artigiani. Le voci la soprannominarono la casa dei dodici fratelli.

L’altare fu costruito nella casa povera. Per lei, Landauer ha ordinato l’altare al famoso artista.

Fu deciso di rendere piccolo l’altare, senza porte laterali. Questo da solo era nuovo e insolito. Dalle falde laterali, dalle grandi dimensioni Durer si rifiutò facilmente, ma non poté separarsi dall’idea che l’altare dovesse essere assolutamente solenne.

La cappella della Casa dei Dodici Fratelli era dedicata alla Trinità e a tutti i santi. Ciò ha determinato la trama della foto. Durer ci lavorò di nuovo molto a lungo, i primi schizzi furono realizzati nel 1508 e il quadro apparve nella cappella solo nel 1511. Tutto gli sembrava che il lavoro non fosse ancora pronto. Durer scrisse l’immagine con gli strati più sottili di tempera, in alcuni punti toccando leggermente la superficie con olio.

Dove anche la vernice luccicava, estingueva la lucentezza, toccando leggermente la sua superficie con un dito. L’immagine ha conservato per sempre tracce di questi tocchi.

Quando Dürer nella parte superiore della foto ha scritto una colomba – l’incarnazione dello Spirito Santo, sotto di essa – Dio Padre che tiene la croce con Cristo crocifisso, ha seguito un’usanza di lunga data. Questa immagine della Trinità era tradizionale e chiamata “Via della Misericordia”. Ma Dürer non si limitò a ripetere ciò che era generalmente accettato.

Non era nel suo personaggio e il tempo era costretto a cercare nuove soluzioni.

Colui che si avvicinò all’immagine di Durer, vide immediatamente: non solo i santi giusti, ma i laici salirono in cielo. Formano una sola folla. Sulla nuvola vorticosa, che si alza in aria come un enorme tappeto volante, si ergono vescovo, cavalieri, ricchi cittadini, monaci e monache, soldati, un contadino con un flagello.

Tutti in abiti da festa e tutti insieme. Quindi Durer espresse l’idea che tutti gli abitanti della terra – e quelli che hanno soldi da pagare per l’assoluzione, e quelli che non li hanno, nobili e semplici, ricchi e poveri – sono uguali davanti al “Sentiero della Misericordia” .

Gli abitanti della Casa dei Dodici Fratelli erano interessati a guardare le persone in mezzo alla folla. Inoltre, alcuni di loro hanno imparato. Ecco un vecchio dai capelli grigi dall’aspetto insolitamente timido. Questo è il cliente del dipinto: Matthias Landauer. Nei precedenti dipinti dell’altare, i loro clienti, i donatori, sembravano vestiti e stemmi importanti, sicuri di sé, orgogliosi.

A Landauer, Durer ha sottolineato l’umiltà in ogni modo possibile. Contemplando il quadro indovinato: il Giudizio Universale trascorse iniziò il regno millenario di Dio: il regno di giustizia, uguaglianza, fratellanza universale delle persone.

Sotto, sotto lo strato inferiore della nuvola, c’è la terra vuota. Su di essa è una piccola figura solitaria. Poggia su una pietra su cui è scritto, chi e quando ha creato l’immagine. Questo è Dürer.

Ha una faccia triste, pensierosa. È l’unico che è rimasto sulla terra e che è triste – si è ritratto per lo più quando ha lavorato all’Adorazione della Santissima Trinità e in generale in questo periodo della sua vita. Non solo questa persona, che è triste, sola e lontana in piedi per terra, ma tutto ciò che lo circonda – alberi, colline, montagne – sembra essere infinitamente distante da qualcuno che guarda l’immagine. E tutte le figure che fluttuano nel cielo, appoggiandosi alla nuvola, rispetto all’omino sono enormi. Lo spettatore smette inconsapevolmente di notare quanto sia piccolo l’altare.

A causa del rapporto tra le figure nel cielo e la figura sul terreno, sembra monumentale.

La foto era estremamente bella. La gioia più grande quando lo guardava era il colore. Questa foto, a differenza delle altre che sono morte o sono state notevolmente rifatte durante il restauro, è stata fortunata. Sopravvisse e sopravvisse al secolo. Le sue vernici conservano ancora accattivante freschezza, luminosità, forza.

I colori rosso, blu, verde e oro trionfano nella foto. Un mantello azzurro, vibrante dietro il crocifisso, fa eco all’abbigliamento blu scuro di Maria, alle vesti blu sorde dei profeti e alle vesti blu dei laici. Macchie scarlatte, rosso carminio e scarlatto lampeggiano nella folla.

Musicalmente – i colori polifonici gioiosi provocano gioia nell’anima dell’uomo di oggi, che vede l’immagine nella sala del museo.