Addio ai genitori – Vittorio Carpaccio

Addio ai genitori   Vittorio Carpaccio

Nel 1488, la Scuola di Sant-Orsola decise di decorare i suoi locali nel monastero dei Santi Giovanni e Paolo. Poco dopo questa decisione, la fratellanza di Sant’Orsola ordinò un ciclo dal dipinto dell’altare e otto grandi tele per il Carpaccio che raccontavano la vita del santo.

Eccone due: Addio ai genitori “, 1495 e il martirio e morte di Sant’Orsola”, 1490-94. Lavorando sul ciclo, l’artista si è concentrato sulla vita del santo nella forma in cui è stato registrato nella leggenda d’oro di Jacopo da Voragina.

Questo libro è noto per il fatto che le vite dei santi sono raccontate in esso, come potrebbe raccontare o raccontare storie sulle avventure dei cavalieri. La storia di Sant’Orsola inizia così: c’era un re cristiano in Bretagna chiamato Notus, o Maurizio, e aveva una figlia di nome Ursula, così virtuosa, saggia e bella, che la fama di lei si diffuse ovunque “.

È sorprendente come lo stile del carpaccio sia combinato organicamente con il suono ingenuo e solenne della Vita della leggenda aurea. corona.