Acqua e pietre sotto il Palazzuolo, vicino a Firenze – Alexander Ivanov

Acqua e pietre sotto il Palazzuolo, vicino a Firenze   Alexander Ivanov

Quasi tutti i paesaggi di Alexander Andreevich Ivanov sono collegati all’opera sul dipinto “Cristo che appare al popolo”. La ricerca della sua soluzione a forma di plastica ha comportato la creazione di una serie di studi fatti dalla natura. Molti di essi, ad esempio “Acqua e pietre sotto il Palazzuolo”, sono dedicati allo studio della natura.

Ivanov percepiva la natura in un aspetto filosofico e storico, e questo distingue i suoi schizzi di paesaggio dalle opere dei suoi compatrioti contemporanei. Ma la filosofia dei paesaggi di Ivanovo non è astratta in natura, e questo li rende, a loro volta, dissimili dalle opere di maestri europei, ad esempio il tedesco.

Ivanov era caratterizzato da una “visione della natura” ponderata. Nel settembre 1836, scrisse a suo padre che “i paesaggi funzionano in modo molto più semplice che ideale”. Insieme ai paesaggi spaziali, in cui la terra era percepita come una sorta di immagine olistica, Ivanov aveva degli schizzi che descrivevano la “crosta terrestre” – pietre, terreno, radici degli alberi.

Qui, il pittore sembrava riferirsi alla “carne della terra” e vedeva artisticamente in essa quelle tracce che erano rimaste per secoli: nella vycherbin di pietre, nella compressione pietrosa del terreno, che germogliava forti radici di alberi secolari, lo immaginava. tempo reificato.

Questo piccolo studio, interamente scritto dalla vita, è caratterizzato da chiara plasticità e peso delle forme, nitidezza dei contorni, intensa sonorità e pienezza delle combinazioni di colori, effetto di luce attiva. La terra rappresentata da Ivanov è bellissima e la sua bellezza vivente è piena di significato profondo.