Abbellisca con un ragazzo in una camicia bianca – Camille Corot

Abbellisca con un ragazzo in una camicia bianca   Camille Corot

La tendenza verso curve panoramiche si manifestò molto presto a Corot, già a metà del 1820 nei paesaggi di Roma e dei suoi dintorni: “Lago Albano e Castel Gandolfo”; “Campagna romana con il Tevere”.

Tali composizioni seguirono la tradizione francese del 18 ° secolo, quando un angolo di visione molto ampio era naturalmente combinato con l’intimità del sentimento rococò. Puoi, in particolare. ricordare tali immagini, con ogni probabilità. famoso Corot, come “Vista del castello di Vincennes da Montreuil” L. G. Moro Art. o paesaggi di Valenciennes.

Nei piccoli panorami solari Corot ha trovato qualcosa di fronte ai misteriosi e nebbiosi angoli della foresta, la cui immagine è dedicata a una parte significativa della sua pittura. Uscendo allo scoperto, sembrava acquisire un tipo speciale di equilibrio emotivo. Di tanto in tanto, durante i suoi viaggi in Francia, era attratto dalle curve accattivanti e morbide delle valli fluviali, come quelle raffigurate nei dipinti di “Rouen.

Panorama della Senna” o “Paesaggio con orizzonte distante.

Caratteristiche della composizione e tecniche di scrittura, quest’ultima ricorda “Paesaggio con un ragazzo in camicia bianca”. Una proprietà notevole di questo e di paesaggi simili è la vicinanza dell’artista alla natura, la vera intimità del sentimento. Questo sentimento si distingue per i cosiddetti paesaggi lirici creati nel laboratorio, ma si manifestava anche nelle cose scritte sulla natura.

Tuttavia, sebbene questa immagine rappresenti una visione particolare, molto probabilmente non è stata scritta all’aperto, ma in officina.

A favore di tale presupposto può indicare l’uso dell’accoglienza, addestrato su paesaggi lirici. È per far rivivere un paesaggio paesaggistico bello e sobrio con un punto più piccolo e luminoso.